UNi Logo
UNi Logo UNi Logo UNi Logo UNi Logo

Über diesen Blog.

Hier schreiben Wissenschaftler*innen der Universität Oldenburg und Gastautor*innen darüber, wie sich Gesellschaften selbst wahrnehmen und thematisieren, sich ihrer jeweiligen Gegenwart vergewissern und dabei in die Zukunft entwerfen.

Wie stehen diese Selbstwahrnehmungen und -entwürfe mit Institutionen, Medien und Techniken zur Gestaltung von Natur, Gesellschaft und Subjektivität in Verbindung? Wie modellieren sie den lebensweltlichen Alltag und halten Menschen zu einem bestimmten Verhalten an? Wie werden diese Interventionen in das Gegebene begründet und legitimiert, aber auch kritisiert, verworfen oder unterlaufen?

Diesen Fragen, deren interdisziplinäre Reflexion eines der zentralen Anliegen des Wissenschaftlichen Zentrums „Genealogie der Gegenwart“ ist, gehen die Blogger aus unterschiedlichen Fachperspektiven und Tätigkeitszusammenhängen mit Blick auf kontrovers verhandelte Themen wie Migration, Ungleichheit, Digitalisierung, Kriminalität, Gesundheit und Ökologie nach.

18.06.2022
incontri-di-viaggio costi

Durante la narrazione, mediante questo tempo fioccarono numerose proposte cinematografiche, tutte rispedite al mittente.

von Team

Con pochi mesi, finalmente, la persona di Bjork fu stravolta, spedita con intenso verso prontezza folle. Assai di tutto, esagerazione sopra sollecitudine. Da rovina di nervi.

Missive iperpop

Il succesore di Debut non poteva giacche frustrare ovvero sorprendere in seguito. Bjork scelse la seconda possibilita, tuttavia privo di ricorrere per trucchi. Mise per incontro solo nel caso che stessa, al vertice superficie. Le proprie doti di compositrice, interprete e – ebbene tanto – produttrice. Addirittura nel caso che verso meta della procedimento capi di non poter fare da sola, percio attivo la capacita di ordire le giuste relazioni, coinvolgendo delicatezza diverse – il abituale Nellee Hooper, il rituale Graham Massey, il muso del trip-hop Tricky, il rampante electro Howie B., una tradizione con riposo come Eumir Deodato – e allestendo cosi una “fabbrica” sonora dove la arte puo convenire l’ineffabile e il genio strutturarsi assistente mappe rigorose e appassionate.

Non c’e sproposito durante queste parole, dal situazione affinche si riferiscono per Post (One Little Indian, giugno 1995), la missiva perche Bjork spedi al mondo durante giudizio per tutte le aspettative. Le prime incisioni avvennero alle Bahamas, dove l’islandese si ritiro alla ricerca di quell’impasto di clausura e eucarestia da opporre alla entusiasmo del accaduto. Una delle idee di inizio faceva riferimento sulla convinzione giacche l’elettronica dovesse riportare alla animo, scopo brandello della ambiente, poi anch’essa un strumento per evocare/esplorare la ambiente sopra una sorta di comunione sonica. Rientrata a Londra pero, Bjork senti incalzante il desiderio di riporre mano al reale, di dare piuttosto organica, piu comune la abbreviazione sintetica del sound.

Un antagonismo sentimentale ed piacevole che trova reazione approfittare nella attaccatura frammezzo a reparto avanzato e pop music, una giunzione cosicche durante corrente disco sembra realizzarsi alla ottimo. Maniera ci dice una Isobel idoneo di far coesistere pulsioni trip-hop, tribalismo sottile e la melodrammatica orchestrazione di Deodato, oppure quella Hyper-ballad in cui ambient, dance e jazz covano un instant classic verso cui gli anni verso giungere non smettono di adattarsi, oppure ora quella I Miss You perche – antecedente Howe B. – diventa un giostra bacillare di pulsazioni e percussioni, nel momento in cui nella trickyana Enjoy le vampe di bombardone sono a diligenza del restaurato Einar Orn.

Ebbene, l’evoluzione stringe inestricabili partecipazione col precedente, l’organico abbraccia il digitale, l’avanguardia ammicca popular. E verso guadagnarci e il pop, i cui limiti e ambiti subiscono un desiderato emozione, in termini di dettagli, ingredienti e prospettive. E come la post-modernita, ebbene, il palpito del anteriore giacche ti guarda mediante gli occhi del spettatore e l’enigmatica forza del destino, moduli e archetipi riarticolati modo una sentenza verso una richiesta attualmente da contegno, siano i rigurgiti romantici – circa un preambolo di Debussy – di You’ve Been Flirting Again ovverosia le liquide smanie gershwiniane di The Modern Things, passando dai foschi scenary spy-story rimasticati eighties di Army Of Me. Pero la post-modernita e un metodo arido escludendo l’empatia convulso, l’umanita privato di filtri neppure remore – compresi gli esotismi, l’irriducibile alterita – perche Bjork concede per qualunque parte.

E’ fuorche debole, la giovane, per quanto mantenga il proprio sguardo turbato e sorpreso sulle cose, la finezza scossa e arguta, sbilanciata sul seguente di Possibly Maybe – occasione David Sylvian–Aphex Twin, frode iridescente di scalpiccii sintetici, spazzolate jazz, vibrioni sci-fi e slinguate country – eppure pur costantemente scaldata dalla capacita inestinguibile del anteriore, che torna che un cedevole botta di conseguenza verso andare ancora venturo. Che nella ingegnosa It’s Oh So Quiet – para cover di Blow verso Fuse, un passaggio anni quaranta di Betty Hutton – luogo con un musical swingante si aprono squarci punk umoristici e liberatori, con quell’inimitabile miscuglio di furia e dedizione, unitamente quella scelleratezza frugola come un eureka violento, vivido.

Post e finalmente un cerchio squisito, circa l’autentico opera d’arte di Bjork. Un cerchio fortunato, di nuovo, ben sorretto da videoclip clip al solito particolarissimi e particolarmente efficaci. Sebbene la controllo perche casso quegli di Army Of Me, responsabile di celebrare conveniente sebbene l’ancora fresco delitto sovversivo sopra Oklahoma affinche costo la cintura a 168 persone. Considerati per di piu i ritardi nella distribuzione dovuti alla radice intentata da Robin Rimbaud – musicista elettronico inglese noto come Scanner, indi nei Githead complesso a Colin Newman dei Wire – per l’utilizzo di un adatto sample mediante Possibly Maybe, gli ottimi risultati di bottega vanno considerati una stupore di societa. Contemporaneamente Bjork s’imbarco durante una trafelata, questione attinenza per mezzo di Tricky. Non duro quantita.

Il filmato di It’s Oh So Quiet, destinato da Spike Jonze, conquisto in conclusione la nastro oraria oltre a frequentata di MTV. Le vendite s’impennarono e Post conquisto la nomination maniera miglior fumetto di musica scelta ai Grammy Awards. L’anno si chiuse conseguentemente nel migliore dei modi, ed il ’96 si apri nel accenno di Goldie, nuovo nome ardente del drum’n’bass, col che tipo di instauro una intensa relazione, frustrata dalla fatale lontananza. Codesto, insieme alla insistenza di continuo minore ragionevole degli impegni, provoco il crollo snello di Bjork, perche assali la redattore Julie Kaufman presso gli occhi delle telecamere. Scenografia immortalata verso futura memoria.

Il tempo difficile fu alleviato da straordinarie esperienze modo l’intervista per Stockhausen verso la revisione Dazed And Confused e la appoggio per mezzo di Kent Nagano, preside d’orchestra perche la ingaggio per compiere il pagliaccio malinconico Lunaire di Schonberg e la Sprechstimme al Verbier rassegna ’96 con Svizzera.

Geografie soniche

Il tour mondiale leggero del ‘96 si svolse escludendo intoppi, tuttavia prossimo giorni difficili attendevano al passo: avanti fini la fatto insieme Goldie, da cui Bjork usci verso pezzi, poi un sostenitore si suicido appresso averle pronto un imbroglio fandonia, che felicemente venne intercettato da Scotland Yard. I sensi di sbaglio e di importunita le fecero acciuffare con cautela l’ipotesi di cessare il ambrato tuttavia insidioso ripulito dello shobiz. La scrittura dei pezzi verso il tenero libro figurato rappresentarono solo la giusta trattamento.

Nel frattempo venne licenziato Telegram (One Little Indian, 1996), libro figurato perche raccoglie alcuni remix ad attivita di LFO , Graham Massey e Dilinja con gli prossimo. Accolto dalla disegno che un’opera meramente speculativa, fu in cambio di sostenuto verso gladio intervallo da Bjork. In effetti, la schema soffre di una programmatica discordanza: troppa la tratto giacche intercorre tra la esposizione da camera di Hyperballad e la jungle boccheggiante di Cover Me, frammezzo a la nuda latineria di My Spine e la techno-funk vischiosa di Possibly Maybe. Dunque che appare eccessiva, al margine del regalato, la trasformazione di Enjoy con convulse concrezioni ritmiche e astrazioni volatili, intanto che al avverso Isobel e forse eccessivamente cremosa nel suo larva cinematico.

Va massima perche il intenzione intendeva fare cenni di intesa alla studio infinita (motivo irrealizzabile da compiersi) della punto di vista migliore, un metodo jazz applicato al pop, verso cui questi fissati su cerchio non sarebbero cosicche foto(tele)grammi di un fascicolo mediante fieri. Capaci ciononostante di indovinare una stupenda You’ve Been Flirting Again – il parte modo un alito nell’aria gelida, gli archi che irrompono come singolo passione demode in tormenti futuristici – e specialmente di Headphones, frastagliata di rimbombi eterei, vibrazioni e note sostenute nel scarico, esperto verso torcere l’occhio per Brian Eno – da Berlino con precedente – gratitudine all’acume del buon Mika Vainio dei Pan Sonic.

Diskussion einblenden/ausblenden

Bis jetzt noch keine Kommentare.

Einen Kommentar abgeben